Cose inutili dentro un vecchio solaio

3 Nov

Ieri ho iniziato a leggere “Il fuoco nel mare” (edito da Adelphi) del più grande narratore dell’Italia e degli italiani del Ventesimo secolo: Leonardo Sciascia.

Una raccolta di raccontini. Raccontini nel senso che sono brevi, perché, come sempre, il buon Sciascia è illuminante come nessuno mai: sull’Uomo, sulla Società, sulla Letteratura.

Insomma: su qualsiasi cosa conti.

 

“La sua voce sembra trascinarsi dietro un’eco molteplice, tanto è violenta e maleducata. Tutte le sue parole ingombrano l’area del luogo in cui ci si trova come un ciarpame confuso, si accatastano come cose inutili dentro un vecchio solaio”

Leonardo Sciascia – Il fuoco nel mare (pagina 12)

 

Guardando Ballarò, AnnoZero, Otto e Mezzo, Porta a Porta et simila, noto che ad ogni puntata c’è almeno un personaggio che tenta disperatamente di aderire a questa magnifica descrizione sciasciana. Riuscendoci perfettamente, tra l’altro.

E se vi è venuto in mente Capezzone, questo è esclusivamente un pensiero di vossia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: